[INQUIETANTE] La Mostra Macabra Che Ha Sconvolto E Affascinato Milioni di Visitatori In Tutto Il Mondo

body-art-gunther-von-hagens

La Mostra Macabra di Gunther von Hagens  dal titolo “Body Worlds” , in tour dal 1996, ha sconvolto e affascinato milioni di persone in tutto il mondo.

I protagonisti delle sue esposizioni sono i cadaveri. Corpi morti, resi immortali e “artistici” tramite la  plastinazione: un procedimento che permette la conservazione del corpo umano tramite la sostituzione dei liquidi con polimeri di silicone, un processo che richiede 1500 ore di lavoro e costa fino a 25.000 euro, ma il cui risultato è un cadavere crudamente realistico, asciutto e inodore pronto per il suo momento di spettacolarizzazione.

La  mostra è organizzata seguendo un ordine di “shock” , Gunther all’inizio pone in esposizioni alcune parti del corpo per poi continuare con i corpi interi maschili e femminili  e finire con il corpo di un bambino mai nato rimasto intrappolato nella morte dentro il ventre della madre.  Dunque i corpi plastinati vengono mostrati nel loro Macabro splendore, esposti ad arte, smembrati e riassemblati in modo da ricordare le opere  dei cubisti o dei surrealisti.

Secondo Gunther von Hagens  le sue mostre possono aiutarci a comprendere noi stessi. Il suo compito è fornire informazioni uniche sul corpo umano. Attua una sorta di democratizzazione dell’anatomia, sostenendo che ciò può far scoprire e capire meglio i propri corpi e dunque questo potrebbe avere benefici significativi in ​​termini di salute pubblica, inoltre sostiene che  molte persone che hanno visto la mostra hanno scoperto un nuovo rispetto per i loro corpi.

Questo però non è successo a me, che ho visitato la  mostra a Bologna spinta dalla curiosità e che sono rimasta dall’inizio alla fine con l’espressione del viso corrucciata in cui si leggeva il disgusto per quello che vedevo. Ammetto che non amo il gusto dell’orrido e nulla che abbia a che fare con questo senso di morte diffusa. La mostra è stata interessante ma mi è bastata vederla una volta nella vita, giusto per saperne parlare. Il pensare di aver visitato un cimitero di cadaveri “all’aperto” non nego che mi suscita ancora un po’ di inquietudine.

I corpi esposti sono tutti autentici,  sul sito si legge che  “Appartengono a persone che hanno disposto in vita che i loro corpi, al decesso, dovessero essere messi a disposizione della formazione dei medici e della sensibilizzazione dei profani.”  Ogni esposizione porta una marea di nuovi volontari tanto che Von Hagens ha già un registro con circa 3.200 donatori. Le ragioni e le motivazioni dei donatori sono varie, vi è chi lo fa per nobili ragioni come mettere al servizio il proprio corpo per la scienza e la conoscenza e chi ha incluso tra le motivazioni l’avversione verso la sepoltura o la cremazione, o  il desiderio di risparmiare il costo di un funerale.

Se volete vedere la mostra o se pensate ad una volontaria donazione,  vi consigliamo di consultare  il sito

Ecco un breve video su una delle tante esposizioni itineranti della mostra

cuore-mostra

2Body-Worlds

Body_Worlds